030 41160 info@tennisforzacostanza.it

MARTEDÌ ALLE 18 L’ESORDIO DI SARA ERRANI SETTEBELLO ITALIANO NEL MAIN DRAW

Le stelle non si fanno attendere. Sara Errani, ex numero 5 del mondo e finalista al Roland Garros, farà il suo esordio martedì (alle ore 18) negli Internazionali femminili di Brescia, il torneo da 60 mila dollari che la vede al via per la prima volta. Il sorteggio ha deciso che di fronte a lei ci sarà una rivale tutt’altro che semplice, l’americana di origini italiane Francesca Di Lorenzo, numero 154 del ranking Wta e in crescita fin dalla parte finale dello scorso anno. La mancina di Pittsburgh, classe 1997, si è fatta notare agli Us Open, passando le qualificazioni e approdando al secondo turno, prima di essere fermata da Kiki Bertens. Dunque per la romagnola, che da Brescia vorrebbe ripartire e ritrovare fiducia, non sarà affatto una passeggiata. Sempre martedì, in scena altre due azzurre di Fed Cup, Jasmine Paolini (contro la bulgara Shinikova) e Deborah Chiesa (contro la svizzera Oprandi), ma da non perdere è anche l’esordio della bulgara Sesil Karatantcheva contro l’australiana Hives. La numero 1 del tabellone è la cinese Wang, opposta alla marchigiana Elisabetta Cocciaretto, e tra i match di cartello c’è pure un derby tricolore Di Giuseppe-Pieri.

 

Nelle qualificazioni, subito qualche sorpresa, con le ragazze italiane coinvolte. La 27enne aostana Martina Caregaro, in particolare, è riuscita a vincere una partita difficile contro la spagnola Guerrero Alvarez, riuscendo a capitalizzare meglio le occasioni nel super tie-break che – solo per le qualificazioni – da quest’anno sostituisce il terzo set. Lo stesso destino lo ha dovuto subire Stefania Rubini, l’emiliana che proprio a Brescia, due anni fa, sembrava aver cambiato volto alla sua carriera, e che invece a distanza di tempo ancora fatica ad emergere. Stavolta, a fermarla è stata la brianzola Martina Spigarelli, che ha resistito alla rimonta avversaria nel primo set, ha perso il secondo ma ha chiuso con freddezza, dopo due ore e 24 minuti di battaglia. La migliore prestazione sotto il profilo tecnico è stata probabilmente quella della romagnola Lucia Bronzetti, che di fronte alla rumena Dinu (ora scesa nel ranking, dove è stata ben dentro le top 200) non partiva favorita. Invece l’azzurra è rimasta sempre avanti nel punteggio, senza permettere alla sua avversaria di trovare le contromisure per risalire. Promossa inoltre Dalila Spiteri, a segno nell’altro derby tricolore contro Lucrezia Stefanini. Subito fuori Bilardo, Viviani e soprattutto Anastasia Grymalska, l’abruzzese che a Brescia aveva raggiunto la finale nel 2013 e la semifinale lo scorso anno. Martedì oltre ai primi incontri del main draw, si concludono le qualificazioni con i sei incontri decisivi, a partire dalle ore 10. L’ingresso ai campi del Castello è sempre gratuito.

 

MAIN DRAW

Wang (Chn)-Cocciaretto (Ita), Paolini (Ita)-Shinikova (Bul), Bondar (Hun)-qualificata, Von Deichmann (Lie)-Paquet (Fra), Trevisan (Ita)-qualificata, Di Giuseppe (Ita)-J. Pieri (Ita), Chirico (Usa)-qualificata, Han (Chn)-qualificata, Hogenkamp (Ned)-Haas (Aut), Radanovic (Srb)-Ozgen (Tur), Chiesa (Ita)-Oprandi (Sui), Errani (Ita)-Di Lorenzo (Usa), Tomova (Bul)-Marcinkevica (Lat), Ma (Chn)-qualificata, Karatantcheva (Bul)-Hives (Aus), Perrin (Sui)-qualificata.

 

QUALIFICAZIONI, 1° TURNO

Caregaro (Ita) b. Guerrero Alvarez (Esp) 6-3 3-6 10/6, Dodin (Fra) b. Grymalska (Ita) 7-6 7-5, Spiteri (Ita) b. Stefanini (Ita) 6-3 7-5, Grabher (Aut) b. Kurata (Bra) 6-0 6-4, Potocnik (Slo) b. Bilardo (Ita) 4-6 6-3 10/7, Bronzetti (Ita) b. Dinu (Rom) 6-4 6-3, Goncalves (Bra) b. Jani (Hun) 6-1 6-1, Gamiz (Ven) b. Viviani (Ita) 6-3 6-2, Spigarelli (Ita) b. Rubini (Ita) 7-5 6-7 10/6. Da concludere: Ferrando (Ita) vs T. Pieri (Ita), Ceschi (Ita) vs Brescia

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>